Condividi

Aggredito militante CasaPound a Livorno: “Preso a bastonate davanti alla moglie incinta, rischia un occhio”

Alla donna gli aggressori hanno urlato: “Tanto verrà un figlio fascista”. Di Stefano chiede intervento di Minniti: “Da antifascisti caccia all’uomo”

Aggressione la notte scorsa a Livorno a un militante di Casapound che stava tentando di riattaccare un manifesto staccato.

A denunciare l’episodio lo stesso movimento di estrema destra spiegando che l’attivista “è stato assalito da quattro persone che, cappucci alzati e bastoni alla mano,

 

 

prima lo hanno pestato e poi hanno sfondato i finestrini della sua auto, all’interno della quale era presente la compagna incinta, per fortuna rimasta illesa anche se sotto choc”.

 

L’uomo, 37 anni, residente a Livorno portato al pronto soccorso, è stato poi dimesso stamani con una prognosi di 30 giorni: ha riportato una frattura al naso e contusioni maxillofacciali.

Sul caso indagano i carabinieri, intervenuti sul posto insieme ai sanitari del 118.

Alla donna gli aggressori hanno urlato: “Tanto verrà un figlio fascista”. Di Stefano chiede intervento di Minniti: “Da antifascisti caccia all’uomo”

 

 

“È incredibile quello che sta accadendo in Italia” è il commento del leader di Casapound, Simone Di Stefano

“mentre le più alte cariche dello Stato vanno manifestando e lanciano allarmi sul sedicente pericolo fascista, gli antifascisti lanciano cacce all’uomo, rivendicano con orgoglio brutali pestaggi, aggrediscono e insultano le forze dell’ordine nella totale impunità”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteNon ce l'ha fatta il Maresciallo Alessandro Ratti. Era sempre sorridente e disponibile, 47 anni sono troppo pochi per andarsene
Prossimo articoloChe fine ha fatto il buon Fabio di Striscia La notizia? L’appello a Ricci "Aiuto.."