Condividi

GENOVA – Qualcuno lo ha già ribattezzato il blitz di Natale. Il 24 dicembre infatti Autostrade per l’Italia con il suo ufficio legale ha perfezionato l’acquisto da privati, si dice a cifre quasi raddoppiate rispetto a quanto offriva la struttura commissariale, cinque aree nella zona di Ponte Morandi. Lo spiega un articolo di PrimoCanale, informazione locale genovese

Una mossa che era nell’aria e che è diventata realtà. Resta da capire con quale finalità. C’è chi suggerisce che l’operazione possa essere propedeutica ad eliminare in fase processuale cinque potenziali ricorrenti che, una volta ceduta l’area di proprietà, rinunciano così ad ogni azione legale.

Ma c’è anche un’altra possibile spiegazione. Quei terreni acquistati da Autostrade per l’Italia, come tutti gli altri, ora dovranno essere ceduti alla struttura commissariale. Autostrade potrebbe rifiutarsi di cederli, la struttura commissariale come da decreto procederebbe all’esproprio, ma Autostrade e il suo ufficio legale in seguito potrebbero ricorrere proprio su questo atto.

In altre parole il procedimento di demolizione e ricostruzione del ponte non verrebbe intaccato, ma così Autostrade per l’Italia avrebbe un nuovo jolly da giocarsi a livello giudiziario contro lo Stato e quel decreto che, in questo modo, li avrebbe ulteriormente penalizzati.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedentePoliziotto muore giovanissimo per mesotelioma: forse davanti al lavoro copertura in amianto non bonificata
Prossimo articoloBomba di calore alle Acciaierie Venete. Operaio morto dopo 8 mesi di agonia