Condividi

doloregambeAshton Howard, 26enne inglese, inizia a soffrire di un fastidioso dolore alla gambe dopo due vacanze consecutive con le amiche in Croazia e a Ibiza. Vacanze durante le quali si scatena in discoteca tutte le sere. In un primo momento dunque Ashton pensa che la causa del disagio sia dovuto all’ “abuso” di tacchi a spillo. Ma quando va dal medico, scopre la tragica verità.

Accade a Londra. Come riporta il Mirror, la ragazza è affetta da una forma di cancro del sangue molto rara, che le provoca dolori agli arti inferiori, impedendole perfino di stare in piedi.

Il calvario di Ashton inizia alla vigilia di Capodanno, quando le comincia a girare la testa. Anche in quel caso la ragazza sottovaluta il sintomo, pensando che sia colpa del gin tonic e della vita troppo frenetica che conduce a Londra. La ragazza infatti di giorno lavora come coordinatore franchising e di notte frequenta locali e discoteche.

I dolori però continuano. Ashton non riesce neanche più a prendere la metro, se non può sedersi. E a niente vale il riposo a casa dei suoi genitori nell’isola di Wight. È sua madre che alla fine la convince a farsi visitare. E così la drammatica scoperta.

“Pensavo di stare male per i troppi balli durante il periodo natalizio – racconta la ragazza – e improvvisamente mi dicono che ho un tumore e devo fare la chemio. Il mondo mi cade addosso”.

Ashton però è molto determinata e affronta la terapia con coraggio, anche se questo le comporta la perdita dei capelli. “Oggi – conclude – ho cambiato abitudini. Mi sono trasferita nell’isola di Wight e conduco una vita tranquilla. Forse il cancro mi ha salvato”.

IlMessaggero

 

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteSclerosi multipla addio, arriva il farmaco miracoloso: “E’ la prima cura efficace”. ECCO DI QUALE SI TRATTA!
Prossimo articoloLa risposta sviluppista del governo ai rimbrotti di Bruxelles