Condividi

L’azienda è senza camionisti e assume: “Ne cerco 22 fissi, ma vanno tutti all’estero”

L’azienda è senza camionisti e assume: “Ne cerco 22 fissi, ma vanno tutti all’estero”

MESTRE – Cerca 22 autisti a tempo pieno e non li trova. Damaso Zanardo, imprenditore della logistica con un’azienda che ha sede a Marghera e centri specializzati a Quinto di Treviso e a Milano, non è il solo in questa situazione.

Si tratta dell’azienda Zanardo Servizi Logistici Spa di Marghera, nel 2015 premiata dalla Borsa Italiana come una delle prime sei piccole e medie aziende migliori del Paese.

Un’azienda che è leader nella logistica del beverage e ospedaliera, l’Azienda è stata fondata da Settimio Zanardo nel 1961

e il figlio Damaso vi ha trasferito la vocazione di lavorare proattivamente a fianco dei clienti, anticipandone quindi i fabbisogni con soluzioni innovative.

La Zanardo copre tutto il territorio nazionale con diversi siti operativi, oltre 240 lavoratori, 87 mila metri quadrati di magazzini, anche doganali e fiscali, e più di 120 automezzi.

E oggi, come detto, cerca 22 autisti a tempo pieno e non li trova. E il suo caso, secondo il Gazzettino non il classico scoop giornalistico dove un datore dice di non trovare lavoratori, per poi scoprire offerte di contratti inaccettabili,

schiavismo del nuovo millennio, veri e propri schiavi da pagare una miseria per lavori precari e spesso squalificati, nel commercio come nel turismo o, peggio ancora, nei servizi.

Il caso dell’azienda Zanardo e della sua categoria è diverso perché, appunto, cerca persone a tempo pieno e lo stipendio di un camionista va da 2.200 a ben 3000 euro al mese. Non certo da buttare.

Un lavoro duro e difficile, che porta via anche molto tempo. Ma sicuro.

Il fatto vero è che di camionisti non ne riesce a trovare.

“In realtà ci sono ma non vengono a lavorare per imprese italiane – spiega Zanardo -. Per un po’ l’utilizzo di personale straniero ha calmierato il mercato sempre più alla ricerca di queste professionalità”

 

poi continua “Ma se oggi sei rumeno, polacco, serbo o siriano prima di tutto vai a lavorare dove ti pagano meglio.

E fuori dell’Italia ci sono tanti posti dove pagano meglio, non tanto come cifra degli stipendi perché in realtà siamo secondi in Europa con circa 51 mila euro l’anno ma il fatto è che in tasca ne rimangono meno di 30 mila”…

Quindi, come sempre, il problema sarebbe la tassazione?

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteHa lottato con tutte le sue forze, Leone non ce l'ha fatta. Una folla commossa per l'ultimo saluto all'agente
Prossimo articoloDeraglia un treno nel Milanese, due morti e dieci feriti gravi