Condividi

Banche a rischio, come fare a sapere se la tua finirà male. Basteranno i venti miliardi stanziati dal governo per rimettere a posto il sistema bancario italiano? Il dubbio cresce insieme all’ emergere di nuove situazioni di difficoltà. Ieri, per esempio, Chianti Banca ha pubblicato il bilancio 2016 che evidenzia una perdita di 90,4 miliardi.

Il presidente Lorenzo Bini Smaghi (ex rappresentante dell’ Italia nel board della Bce) spiega che il risultato è frutto di pulizie straordinarie. Proprio per chiudere con il passato ci sono state le dimissioni del direttore generale e di cinque consiglieri. L’ istituto ha ancora indici patrimoniali positivi. Diventerà spa e non chiederà aiuti.

Per una banca che dice di essere in grado di tirarsi da sola fuori dai guai ce ne sono almeno un centinaio in affanno. La debolezza emerge dallo studio di Mediobanca che ha messo sotto la lente di ingrandimento i bilanci del 2015. Dopo quindici mesi si capisce che gran parte dei problemi sono ancora aperti.

Come punto di partenza gli analisti di Piazzetta Cuccia hanno preso il rapporto fra le sofferenze e il patrimonio netto tangibile. Gli addetti ai lavori lo chiamano Texas ratio perchè fu applicato per la prima volta negli anni ’80 alla crisi delle banche texane. Misura la funzione fra le sofferenze e la liquidità di cui dispone l’ istituto compresi gli accantonamenti. Se l’ indice è sotto il 100% non c’ è problema.

Sopra comincia a suonare il campanello d’ allarme la cui intensità cresce con l’ ampliarsi della forbice. Per capire: la banca peggiore d’ Italia, nel 2015 era la Bcc di Teramo che aveva un Texas ratio di 777,2. È stata salvata dall’ intervento della Bcc di Castiglione Messer Raimondo e Pianella con l’ aiuto del Fondo di garanzia del credito cooperativo. Mediobanca ci fa sapere che le banche italiane con un Texs ratio superiore al 100%, in base ai bilanci 2015 erano 114.

Sono situazioni di crisi che, fino a questo momento, non sempre hanno trovato una soluzione. Per esempio al terzo posto nella lista nera di Mediobanca figura Unipol Banca con un Texas ratio del 380,3%. Un problema per Carlo Cimbri gran capo del gruppo Unipol, ancora alla ricerca di un marito molto robusto. Si è parlato di Banco Popolare o Bper con cui la compagnia d’ assicurazione ha in corso gli accordi di bancassicurazione.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedente"Agnelli, complotto, Juve e arbitri": Luciano Moggi svela tutto, bomba sul calcio
Prossimo articoloTenta il colpo, ma qualche cosa va storto: il ladro resta a testa in giù