Condividi

In zona San Pietro, è verificata l’ennesima aggressione in danno di due Carabinieri, assaliti da un energumeno in forte stato di alterazione psico-fisica riconducibile alla presunta assunzione di sostanze alcoliche e psicotrope.

Questa volta le due vittime – si legge in una nota del delegato Co.Ce.C. carabinieri Carmine Caforio diffusa da InfoDifesa – risultano essere un anziano sottufficiale in servizio presso la Compagnia Speciale ed un graduato effettivo alla Stazione CC San Pietro. Le condizioni dei militari non desterebbero preoccupazione; si è appreso che entrambi, dopo le cure del caso, sono stati dimessi dall’ospedale con lievi contusioni in varie parti del corpo.

Come se non bastasse, questa mattina, dopo il rito direttissimo celebrato innanzi al Giudice Monocratico del Tribunale di Roma, il responsabile dei fatti, arrestato in flagranza per resistenza e lesioni a PU, è stato rimesso immediatamente in libertà.

Con questo non è tutto – sottolinea Caforio – infatti, all’escalation di violenza che ogni giorno causa feriti tra i Carabinieri, si aggiunge spesso la rigidità di una scala gerarchica pronta a richiamare, o peggio ad infliggere sanzioni disciplinari di corpo, nei confronti del personale che non indossa la pericolosa bandoliera.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedentePoliziotto sequestrato e minacciato con una lama, momenti di paura in carcere
Prossimo articoloCarabiniere ucciso, il militare che scattò la foto dellʼarrestato legato e bendato: "Era per una chat interna"

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.