Condividi

In passato il 34enne era già stato arrestato in altre occasioni. Probabilmente sarà sentito lunedì a San Vittore per la convalida del fermo

Era stato espulso Nicolae Istrati, il 34enne arrestato a Milano dai carabinieri con l’accusa di aver violentato e sequestrato una barista in un locale di Piacenza nella notte tra mercoledì e giovedì.

L’uomo sarà sentito probabilmente lunedì, nel carcere di San Vittore, per l’udienza di convalida del fermo. Istrati in passato era inoltre stato già arrestato in altre occasioni.

Leggi anche:  RAPISCONO UNA RAGAZZA, LA STUPRANO E LA COSTRINGONO A PROSTITUIRSI

Dopo un periodo in prova ai servizi sociali, attualmente stava scontando un cumulo di pene e su di lui gravava la misura cautelare dell’obbligo di dimora, con divieto di uscire dalla sua abitazione dopo le 22.

Invece pare che fosse dedito a giocare ai videopoker quasi ogni sera fino a notte fonda, proprio in quel bar di Piacenza dove c’è stata l’aggressione sessuale.

Barista violentata a Piacenza, l'uomo arrestato era stato espulso
L’uomo è stato arrestato a trenta ore dal sequestro e dallo stupro di una barista di Piacenza. Dopo averla sorpresa sola nel locale l’avrebbe legata mani e piedi, poi le ha tappato la bocca. Quindi le ore di abusi nel bar, trovando anche il tempo di mangiare e di cercare di scassinare i videopoker.

Leggi anche:  #FarWest Italia / La inseguono, la prendono a cinghiate e tentano di stuprarla. Fermati tre romeni

Poi se ne è andato. E mentre la vittima chiedeva aiuto gridando, lui ha inviato un sms al suo datore di lavoro dicendo “Mi licenzio”. Già sapeva infatti che doveva fuggire in fretta perché i carabinieri si sarebbero messi presto sulle sue tracce.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteFugge con la Bmw per non pagare la multa: travolge una poliziotta
Prossimo articoloI seggiolini con i sensori antiabbandono diventano obbligatori