Condividi

Non è un film ma un bellissimo traguardo l’accesso alle donne nella formazione dei “Baschi Verdi” presso la Scuola Addestramento di Specializzazione di Orvieto. Per la prima volta le donne in un reparto antiterrorismo.

Un altro passo in avanti nelle Pari Opportunità nelle Forze dell’Ordine l’ingresso nei reparti speciali delle donne, che con affetto e stima chiamo “baschi rosa”; auspicato e preannunciato lo scorso aprile al Convegno organizzato da Accademia Italiana delle Scienze di Polizia investigativa e Scientifica e patrocinato dal Parlamento Europeo “Marzo Europeo”, il cammino dei diritti delle donne contro la violenza”.

Ad annunciarlo è Antonella Cortese, vicepresidente Accademia Italiana delle Scienze Polizia investigativa e Scientifica e Osservatorio Nazionale per i diritti e la salute dei militari e delle forze dell’ordine, che commenta l’accesso delle donne nel reparto antiterrorismo.

“I Reparti antiterrorismo e pronto impiego della Guardia di Finanza, composti da finanzieri specializzati in “tecniche di polizia”, noti come “Baschi Verdi”, si collocano nell’ambito del Corpo quale componente speciale. Ricordano, nell’immaginario collettivo, i berretti verdi di tanti celebri film d’azione americani ma la loro è una realtà quotidiana di pura e vera azione con la A maiuscola”

“Una incisiva e costante presenza sul territorio che va dall’attività antiterrorismo – spiega ancora – con la vigilanza degli aeroporti, dei porti e degli obiettivi considerati sensibili; al contrasto ai traffici illeciti, con specifico riguardo all’area della criminalità organizzata, del contrabbando, degli stupefacenti, delle armi e dell’immigrazione clandestina; fino alla partecipazione alle missioni internazionali di pace“.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteMostra il dito medio alla Polizia: "faccio il c... che voglio". Arrestato
Prossimo articoloAppiccano incendio per fare video: denunciati tre richiedenti asilo

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.