Condividi

Cos’è il bendaggio degli occhi? Molte sono state le polemiche in questi giorni sull’oramai nota foto, ma in pochi si sono chiesti di cosa si tratti. Forse qualcuno lo da già per scontato: tortura! (?) No! Si chiama blindfolding ed è una pratica presente nei regolamenti della polizia di diverse nazione: cos’è e quando viene usata lo spiega un interessante articolo di Leggo, che riportiamo di seguito:

“il bendaggio di un individuo in stato di fermo o arrestato, non è una pratica in ‘stile Guantanamo’, come evocato da alcuni media, anche internazionali, ma una prassi, seppure eccezionale, presente nei regolamenti di polizia di nazioni civilissime.

Negli stessi Stati Uniti, alcuni dipartimenti di polizia bendano il volto di un arrestato, se c’è il rischio che questi tenti di sputare contro gli agenti, propagando eventuali malattie. Il bendaggio vero e proprio degli occhi è invece praticato, quando non si dispone di altri strumenti, nel caso in cui un sospettato venga messo a confronto con un accusatore, per evitare che quest’ultimo venga riconosciuto.

In Europa, il bendaggio degli arrestati è praticato della polizia olandese in operazioni di particolare rilievo. Ad esempio, la polizia di Amsterdam ammanettò e bendò le persone arrestate nel novembre di due anni fa in una retata contro il cosiddetto Cartello Kinahan, un’organizzazione dedita al traffico di droga, con ramificazioni in Olanda, Belgio e Irlanda. Le immagini degli arresti rimbalzarono sui media olandesi e irlandesi e sono ancora rintracciabili sul web.

Che la pratica del ‘blindfolding’, sebbene censurabile, non sia del tutto estranea alle polizie di altri Paesi europei, lo dimostrano anche i rapporti del Cpt (European Committee for the Prevention of Torture and Inhuman or Degrading Treatment or Punishment), organismo del Consiglio d’Europa. Nei suoi documenti, che si basano sulle ispezioni nei 47 Paesi che aderiscono al Consiglio, si legge che «in certi Paesi, il Cpt ha riscontrato la pratica di bendare le persone durante il fermo di polizia, in particolare durante gli interrogatori».

In passato, ad esempio, il Cpt ha censurato espressamente la Spagna. Altra immagine che fece ‘scandalò fu quella scattata nell’agosto del 2015 a Parigi, mentre la polizia francese scortava all’interno del tribunale, scalzo e bendato, Ayoub El-Khazzani, il jihadista marocchino accusato dell’attacco terroristico al treno Thalys Amsterdam-Parigi. El-Khazzami venne fermato da un gruppo di passeggeri, tra i quali tre americani in vacanza. Due di loro erano militari. La vicenda venne anche immortalata nel film, ‘Ore 15:17 – Attacco al treno’, diretto da Clint Eastwood.”

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteCarabinieri presi a calci e pugni: ​i cittadini corrono in loro aiuto
Prossimo articoloIl padre di Elder Lee Finnegan: "mio figlio è una brava persona"