Condividi

Non è una leggenda metropolitana: bere almeno due bicchieri di acqua prima di ogni pasto aiuta a mangiare meno. Questa recente scoperta da parte di alcuni studiosi inglesi potrebbe rappresentare un aiuto semplice ed efficace per le persone in sovrappeso, a patto di non dimenticare la corretta alimentazione e l’attività fisica regolare.

L’acqua accelera la perdita di peso? SI

La conferma dell’utilità del bere prima dei pasti giunge da una ricerca  recentemente pubblicata su Obesity e condotta da alcuni studiosi dell’Università di Birmingham. Sono stati reclutati ottantaquattro soggetti adulti obesi, divisi in due gruppi: i soggetti del primo gruppo (41 individui) dovevano bere mezzo litro di acqua mezz’ora prima dei pasti principali, mentre ai membri del gruppo di controllo era chiesto di immaginare soltanto di avere lo stomaco pieno già prima di un pasto. Dopo dodici settimane di follow-up, si è visto che chi assumeva mezzo litro d’acqua prima dei tre pasti principali perdeva in media 1,3 chili in più rispetto a chi si sedeva a tavola senza aver prima bevuto. In alcuni casi la differenza nella perdita di peso è stata anche quattro volte superiore.

Più acqua e più movimento e dici addio ai chili di troppo: leggi qui

Dieta e sport rimangono indispensabili

Come Afferma Helen Parretti, ricercatrice dell’Università di Birmingham e prima autrice della pubblicazione i risultati sono stati inequivocabili: mezzo litro di acqua consumata prima di ogni pasto principale aiuta a ridurre il peso corporeo.  I dati emersi confermano quelli di un precedente studio pubblicato sempre su Obesity nel 2009. In quel caso i ricercatori avevano comparato l’effetto di un diverso apporto di acqua in persone sottoposte a una dieta ipocalorica (1200 chilocalorie per le donne, 1500 per gli uomini).Non bisogna dimenticare, tuttavia, che al primo posto tra i fattori determinanti rimangono una dieta equilibrata e uno stile di vita attivo. Il ruolo dell’assunzione dell’acqua è un utile contributo, poiché agisce  sulla distensione delle pareti dello stomaco ed influisce sui meccanismi di regolazione del senso di pienezza che viene “registrato” da alcune specifiche aree del cervello.

 

riza

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteBlue Whale Challenge, l'allarme "forse oltre duemila i ragazzi coinvolti in Italia"
Prossimo articoloAlla poliziotta «Io umilio le donne»: marocchino condannato