Condividi

Sono stati revocati gli arresti domiciliari ad Andrea Carletti, noto per essere sindaco di Bibbiano.

Parla il difensore Giovanni Tarquini: “Un piccolo passo che accogliamo favorevolmente, occorre andare ben oltre. Andrea Carletti si è sempre comportato con piena correttezza e lo dimostrerà”

Il Riesame di Bologna ha deciso di ammorbidire con questa decisione la misura cautelare nei confronti del primo cittadino coinvolto nell’inchiesta “Angeli e Demoni”. Il sindaco, accusato di abuso d’ufficio e falso ideologico, sarà soggetto soltanto all’obbligo di dimora nel comune di Albilea, in provincia di Reggio Emilia.

Andrea Carletti dovrà ora stare in casa dalle 22 alle 7 del mattino.

Si legge su huffpost: Sentito dai pm che gli facevano notare come emergesse dalle intercettazioni una sua disponibilità ad aiutare la onlus, anche con la formazione di una comunità a Bibbiano, Carletti rispose che si trattava di una cosa diversa dal servizio di psicoterapia, era un centro di formazione, valutandolo come un buon progetto. All’obiezione su chi avrebbe messo i soldi per pagare la psicoterapia, Carletti, riporta il Riesame, rispose che non lo sapeva e che non poteva immaginare che le spese sarebbero state accollate all’ente pubblico, che lui intendeva soltanto fare un servizio alla comunità.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteCondannato il ladro che ha provocato la morte del vicebrigadiere Emanuele Reali
Prossimo articoloLa casa va a fuoco, il piccolo Zippy salva tutta la famiglia ma muore tra le fiamme

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.