Condividi

Resta incinta a 13 anni, per mezzo di un collega del padre, ma può abortire. Succede in India dove, straordinariamente, la Corte Suprema ha autorizzato oggi la fine forzata della gravidanza, per una bambina che si trovava alla sua trentaduesima settimana di gestazione. Secondo la legge indiana una donna può abortire per ragioni speciali al massimo entro la ventesima settimana di gravidanza.

La decisione positiva del tribunale è arrivata dopo un’attenta analisi di un team di specialisti dell’ospedale “JJ” di Mumbai. Favorevole all’intervento, il team ha così stabilito per l‘8 settembre la prima data utile per operare. Già da domani la bambina verrà ricoverata presso la struttura ospedaliera.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteLa famiglia le vieta di fare il cesareo: la donna implora in ginocchio poi la tragedia
Prossimo articoloDonne in pensione come gli uomini dal 2018: a 66 anni e 7 mesi. Si studia bonus per chi accudisce figli e genitori disabili