La furbata delle tariffe telefoniche a 28 giorni: come fare ricorso

Bollette telefoniche a 28 giorni: ecco come fare ricorso

Da qualche mese i principali operatori telefonici mobile hanno cambiato il modello di fatturazione. Non più a un mese, ma a 28 giorni. Le bollette telefoniche ora arrivano quindi ogni 4 settimane.

Se la differenza può sembrare in apparenza minima, sono invece proprio quei pochi giorni in meno a pesare sul portafoglio dell’utente: in questo modo, ha calcolato il Codacons, il rincaro per il cittadino si aggira infatti intorno all‘8,6% in più ogni anno mentre i mesi di fatturazione non sono più 12 ma 13, con un mese extra di pagamenti regalato all’azienda che eroga il servizio. Un fenomeno che nemmeno l’Antitrust è finora riuscito ad arginare, neanche comminando sanzioni alle tre principali compagnie attive nel mercato italiano.

RECLAMI E RIMBORSI – Per tentare di interrompere questo meccanismo, e ‘costringere’ gli operatori a rispettare la delibera 121/17/CONS Agcom che vieta la fatturazione a 28 giorni, il Codacons ha lanciato una campagna con la quale invita gli utenti danneggiati a fare reclamo e a presentare una richiesta di rimborso di quanto versato in più per ogni bolletta a 28 giorni.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche