Condividi

A fine Aprile abbiamo raccontato una storia abbastanza triste ma esplicativa di questi tempi, accaduta nella capitale, dove tre turisti stranieri avevano vandalizzato alcune auto in sosta in zona Esquilino ed una volta arrestate dai carabinieri, subito rilasciate dal giudice “lieve entità del danno”. In quell’occasione, i turisti (una belga e due francesi) avevano sottratto antenne e tergicristalli a decine di veicoli. Ne abbiamo parlato QUI

Notevole e ovvia la mancanza di rispetto che oramai non rusciamo più ad ottenere e neppur pretendere neanche dai turisti. Si pensi solo a come viene ridotta Venezia, ogni volta presa d’assalto. Da scene hot a cielo aperto a bagni nei canali fino a marciapiedi come dormitori; è storia assai nota.

Un altro bello spaccato ci arriva invece in queste ore da Bologna, dove due ventenni sono stati denunciati dalla Polizia per aver imbrattato il portone di un commissariato. Forse pensavano di farla franca, ma sono stati subito visti ed intercettati dal piantone. Il commissariato preso di mira è il Due Torri San Francesco.

Non solo, i due geniacci, oltre a scrivere “Acab” sul postone del commissariato, si riprendevano anche con il telefono. Nel momento in cui alcuni agenti sono usciti dalla caserma, l’autore materiale ha tentato di darsi alla fuga, ma è stato acciuffato poco dopo.

Il giovane, oltre all’imbrattamento dovrà rispondere anche di resistenza.

 

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteScuolabus pieno di bimbi si rovescia: 7 i feriti, l'autista si dà alla fuga
Prossimo articoloUccise i suoi due figli, assolta Antonella Barbieri: andrà in una REMS