Condividi

PADOVA – Dopo otto mesi di agonia è morto in ospedale a Padova, dove si trovava ricoverato in rianimazione, Marian Bratu, operaio di 43 anni, uno dei cinque operai investiti il 13 maggio da una bomba di calore sprigionatasi a causa di un incidente alle Acciaierie Venete.

Quella domenica mattina una siviera carica di acciaio incandescente si rovesciò a terra provocando una bomba di calore che investì i cinque operai. Bratu, che riportò ustioni sul 90% del corpo, venne immediatamente ricoverato in ospedale e dopo le cure nel reparto Grandi Ustioni era stato portato in rianimazione.

L’operaio romeno è la seconda vittima di quell’incidente, il 6 giugno scorso morì anche Sergiu Todita, 39enne moldavo, anche lui ucciso dalla bomba di calore mortale. Altri tre operai portano ancora i segni di quel disastro. Sette le persone indagate per l’incidente sul lavoro, tra queste i vertici di Acciaierie, quelli della ditta costruttrice, la Danieli di Udine, e della ditta Hyama Tech, subappaltatrice di Acciaierie, di cui erano dipendenti alcuni degli operai feriti.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteAutostrade, blitz di Natale: acquistati cinque terreni sotto il ponte
Prossimo articoloDaniele Belardinelli, chi era l'Ultras ucciso a Milano: dallo schiaffo a Sogliano alle medaglie vinte nella "scherma corta"