Condividi

Non ce l’ha fatta il bambino di sei anni che si era sentito male all’uscita da scuola lo scorso lunedì. Il piccolo è deceduto all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, dove era ricoverato in condizioni disperate da tre giorni. Il drammatico episodio era avvenuto a Roncadelle, in provincia di Brescia. Il bambino aveva accusato un malore all’uscita da scuola e si era accasciato al suolo. Alla scena aveva assistito la madre, che era riuscito a rianimarlo. Il piccolo era stato trasferito d’urgenza all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, dove era stato ricoverato nel reparto di Terapia intensiva pediatrica. Per tre giorni ha vissuto attaccato a un macchinario, nella speranza che le sue condizioni potessero migliorare. Quest’oggi purtroppo la tragica notizia: il bambino è morto.

Mohamed, questo il nome del bambino deceduto, soffriva di problemi cardiaci. Lunedì pomeriggio, dopo essere uscito dalla scuola elementare “Gianni Rodari” di Roncadelle, il piccolo si era accasciato al suolo davanti agli occhi della madre e di alcuni compagni di classe. Il bambino era stato trasportato in elicottero nel nosocomio bergamasco, dove era arrivato in arresto cardiocircolatorio. Da allora i medici hanno cercato di salvargli la vita, anche se il bambino non ha mai mostrato segni di miglioramento e le sue condizioni sono sempre state definite critiche. Le speranze dei familiari di poter riabbracciare Mohamed si sono spente purtroppo nella giornata odierna, quando i medici della struttura bergamasca hanno comunicato loro la notizia del decesso.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteVa in caserma per l'obbligo di firma e deruba un Carabiniere ma il bottino è 'ridicolo'
Prossimo articoloPoliziotto del Reparto Prevenzione Crimine travolto e ucciso, in arresto in 32enne

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.