Condividi

28 anni, pancione e tanta fatica. Sudore e dolore ovunque, Federica, questo il nome, capisce che le doglie sono iniziate. Così, in strada, vede passare fortunatamente un autobus, quello diretto all’ospedale Cardarelli di Napoli.

Mano al ventre, sale con difficoltà. Quindi si siede e conta i minuti per l’arrivo.

Chiunque, in quella situazione, potrebbe immaginarsi un gesto di solidarietà. Così non è stato da parte di un controllore ANM, che invece di aiutare la donna l’ha multata e fatta scendere dall’autobus. La ventottenne era senza titolo di viaggio.

La storiqa è riportata dal quotidiano Repubblica la quale spiega anche che, una volta concluso il parto (federica darà alla luce una splendida bimba), la neomamma si vedrà respingere il ricorso da parte della struttura organizzativa commerciale dell’Anm: ” Le circostanze addotte (il parto imminente) a giustifica non possono essere motivo di annullamento del verbale elevatole”.

Anche questo è il frutto della lotta serrata dei mezzi pubblici di Napoli ai furbetti. Per qualcuno, spiega però la redazione napoletana di Repubblica, da parte del controllore ( in quel momento pubblico ufficiale), satrebbe stata commessa anche una sorta di omissione di soccorso non prevista dal codice.

Sono salita sul bus senza titolo di viaggio, e quando il verbalizzante mi ha giustamente contestato la mancanza del biglietto, ho cercato di spiegare che a causa di un malessere improvviso, visto il mio stato, mi stavo recando con urgenza al Cardarelli. Tengo a precisare che alla data del verbale ero incinta, erano trascorsi le quaranta settimane e cinque giorni previsti per il parto che è avvenuto nella notte del giorno stesso. Mentre stavo passeggiando da sola in viale Colli Aminei ho avvertito dei dolori improvvisi e, spaventata, sono salita sull’autobus che sopraggiungeva. Quanto asserito è documentabile dal certificato di ingresso nel pronto soccorso “.

Quindi sottolinea Federica: “Il verbalizzante a cui avevo detto del malore invece di accompagnarmi all’ingresso del pronto soccorso mi ha invitata a scendere e ha tenuto a precisare che nella sua qualità di agente di polizia amministrativa era tenuto a rilevare l’infrazione in ogni caso

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedentePoliziotto si suicida lanciandosi da un viadotto, la rabbia del sindacato: "invece di spreperare denaro per autoincensazioni della casta, si aiutino gli agenti"
Prossimo articoloPoliziotto colpito da un grave cancro, i colleghi lo aiutano ad accompagnare il figlio autistico all'asilo: "solidarietà commovente"