Cadavere nel fiume: è il corpo di Luciana, l’insegnante di lingue scomparsa nelle scorse ore

La ragazza, di origini ciociare, insegnante di lingue per bambini, era scomparsa nella notte tra venerdì 3 e sabato 4 aprile

Luciana Martinelli la donna ritrovata morta nel Tevere oggi a Roma. I vestiti e il tatuaggio lasciano pochi dubbi sull’identità. L’assenza dei documenti e lo stato del corpo avevano inizialmente reso difficile il riconoscimento.

Il ritrovamento è avvenuto alle 14.30 a seguito di una chiamata al 112 da parte di un senza fissa dimora. La ragazza, di origini ciociare, insegnante di lingue per bambini, era scomparsa nella notte tra venerdì 3 e sabato 4 aprile dalla sua abitazione di Pietralata, lasciando il telefono a casa e praticamente nessun’altra traccia per rintracciarla.

Unico indizio la sua Volkswagen Up, trovata quattro giorni dopo in sosta sul lungotevere Flaminio, a poca distanza dall’ingresso del Circolo Canottieri Aniene, a tre chilometri di distanza dal luogo del ritrovamento odierno, nei pressi dell’ospedale Santo Spirito. Sul sedile posteriore della vettura sono state lasciata anche le chiavi dell’auto.

Un ultimo avvistamento era stato fatto da un uomo a cui la donna aveva chiesto aiuto dopo essere rimasta in panne con l’auto. In migliaia si erano mobilitati per ritrovarla, con appelli e fotografie della ragazza postate su Facebook e rimbalzate di bacheca in bacheca. Anche la trasmissione Chi l’ha visto, che poco fa ha confermato il decesso della donna, si era occupata del caso.

fonte: today

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche