Condividi

Soccorsi al lavoro per recuperare altri 5 dispersi. Venti escursionisti sono stati salvati. Erano almeno 36 le persone che si erano avventurate in due gruppi intorno al torrente Raganello, in una zona di gole e canyon (tgcom24)

Almeno 11 escursionisti sono morti nelle gole del Raganello a Civita (Cosenza), nel Parco del Pollino, in seguito alla piena di un torrente dopo le violente piogge. Gli ultimi 2 cadaveri, che si aggiungono a quelli di 4 donne e 4 uomini in precedenza individuati, sono stati ritrovati a tre km di distanza dal punto in cui sono stati travolti; nella notte è poi morto in ospedale uno dei feriti più gravi. Cinque restano i dispersi e 11 i feriti.

Venti sono invece le persone messe in salvo: tra queste 11 sono rimaste ferite (6 in modo grave) e sono ricoverate in ospedale. Il capo della protezione civile della Regione Calabria, Carlo Tansi, ha spiegato che “la difficoltà di avere un quadro chiaro di chi manca all’appello è dovuta al fatto che gli escursionisti erano in gruppi sparsi”.

 

Le ricerche, comunque, “non si sono mai interrotte e sono andate avanti tutta la notte”. Le operazioni saranno ora spostate anche più a valle, fino alla foce del torrente, perché c’è il timore che alcune vittime siano state trascinate fino al mare.

Risultati immagini per calabria

Soccorritori al lavoro per tutta la notte – Continua senza sosta il lavoro di vigili del fuoco, carabinieri forestali, corpo nazionale del soccorso alpino e personale del 118. Costantemente in contatto con il capo della Protezione civile Angelo Borrelli, sta seguendo la vicenda da vicino anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Proprio la Protezione civile della Calabria ha inviato nelle gole del Raganello alcune torri-faro per illuminare la zona nella notte e consentire ai soccorritori di continuare le ricerche che “proseguiranno per tutta la notte”, come ha affermato il capo della Protezione civile calabrese Carlo Tansi.

Aperta un’inchiesta – Intanto il procuratore di Castrovillari, Eugenio Facciolla, ha aperto un’inchiesta per accertare le responsabilità penali: “Dobbiamo verificare se le persone che si trovavano in quell’area erano consapevoli della situazione cui andavano incontro o, viceversa, se erano all’oscuro di quello che poteva accadere”, ha affermato.

Risultati immagini per calabria

Due gruppi di escursionisti colpiti dalla piena – Alcune delle persone colte dalla piena stavano effettuando una discesa a piedi del torrente, altri stavano percorrendo le gole e le grotte. In tutto gli escursionisti erano 36, provenienti in particolare da Brescia, Bergamo, Milano, ed erano suddivisi in due gruppi di 18 persone. Essendo l’accesso al parco libero, non si può ancora sapere per certo se al momento della piena ci fossero ancora altre persone.

Il prefetto: “Allerta meteo avrebbe dovuto fermare escursionisti” – “Bisogna capire perché sono partite queste persone e queste guide, il motivo per cui gli escursionisti si trovavano in quel luogo” nonostante il maltempo. Lo ha affermato il prefetto di Castrovillari Paola Galeone. “Siamo preoccupati per la presenza di gruppi di escursionisti di cui non abbiamo contezza”, ha poi aggiunto.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteGestrice di b&b aggredita da profughi: "Si ubriacano e mangiano anche il loro vomito"
Prossimo articoloTerremoto, due scosse in Emilia: la più forte di magnitudo 3.9. La terra continua a tremare in Molise