Condividi

carabinieri contatorePalermo, 28 gennaio 2014 – Il gestore del bar “La Giada” del quartiere Ballarò è stato arrestato per furto di energia elettrica dai carabinieri del Nucleo radiomobile di Palermo. Francesco Scotto, 45 anni, aveva applicato un magnete al contatore, così da abbattere il costo della fornitura. Con l’ausilio dei tecnici Enel, si è appurato che il consumo di energia elettrica dell’esercizio commerciale appariva così ridotto del 50 per cento.

Arrestato per furto aggravato di energia elettrica, il gestore del bar è stato subito condannato a sei mesi di reclusione (pena sospesa) e a una multa di 200 euro. Nel corso
dell’operazione, nel bar i carabinieri hanno trovato e sequestrato un ingente quantitativo di tabacchi di svariate marche, lavorati italiani ed esteri, non di contrabbando, per un peso complessivo di 34 chili, senza le autorizzazioni per la vendita.

Scotto è stato perciò denunciato per ricettazione, vendita e detenzione senza autorizzazione di tabacchi lavorati. Sono in corso indagini dei carabinieri per accertare i canali di rifornimento delle “bionde”.

Fonte: La Repubblica

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteArrestato in Germania un ex poliziotto latitante affiliato alla Scu
Prossimo articoloFisco: maxi evasione fiscale, 9 arresti. C'e' anche Paolo Oliverio