Condividi

SOS1307744Roma, 1 ottobre 2013 – Confiscati beni per 150 mln a due imprenditori, Vincenzo Gabriele Terenzio e Luigi Terenzio, già indagati ed arrestati nel 2009 perché ritenuti vicini al clan camorristico dei Casalesi e alla banda della Magliana.

L’ingente confisca,scaturita dalle indagini della Direzione investigativa antimafia di Roma, ha interessato tra la Capitale, Cassino e Frosinone 41 immobili, 1 albergo, 22 terreni, 10 società, 2 imbarcazioni,35 auto, 48 rapporti bancari.

I Terenzio hanno movimentato 76 mln con redditi minimi.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedente"10 e lotto", 4 arresti e 22 indagati
Prossimo articoloTorino, bimba investita a morte: conducente era ubriaco, arrestato