Condividi

La vicenda è accaduta in provincia di Verona e gli animalisti sono sul piede di guerra. Ma la condotta secondo il codice penale può anche costituire reato

Il cane fa pipì per strada? Multa da 157 euro per il padrone. È accaduto ad un 44enne di Torre del Benaco (in provincia di Verona) ritenuto colpevole di non aver pulito la sede stradale dopo che i suoi due cani avevano urinato su un cestino situato nei pressi di un ristorante. Ad infliggere la sanzione la polizia municipale per il mancato rispetto dell’ordinanza che tra i divieti e obblighi nel centro storico prevede che l’urina degli animali vada subito pulita con acqua, pena la sanzione pecuniaria amministrativa.

La vicenda è balzata subito all’attenzione dei media anche per la strenua difesa degli animalisti.

Secondo l’Aidaa (Associazione Italiana difesa animali e ambiente), si tratta senz’altro della “prima multa per non aver raccolto la pipì del cane“. Una multa che va “oltre il ridicolo – afferma il presidente Lorenzo Croce ad Adnkronos appellandosi – al buon senso del prefetto perché faccia recedere il sindaco da tali assurde ordinanze una volta per tutte”.

“Se non ci fosse una persona che deve pagare quasi 160 euro di multa direi che tutto potrebbe concludersi con una grassa risata – ha concluso Croce, assicurando che l’associazione “non lascerà passare inosservata questa follia amministrativa, se del caso ricorrendo al presidente della Repubblica”.

>Continua a leggere su StudioCataldi.it

di Marina Crisafi

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteTerni, arrestati sindaco e assessore ai lavori pubblici Pd. L'accusa: appalti pilotati
Prossimo articoloWhatsApp eliminerà il tuo account per questi motivi