Condividi

I diritti degli animali sono sempre più sentiti ed è di poche ore fa la notizia che a breve non sarà più possibile lasciare i propri animali domestici sul terrazzo, pena prevista: fino a 500 euro di sanzione.

L’episodio ci arriva da Verona, ma in generale il fenomeno, che si accentua soprattutto d’estate, è diffuso. Ed anche penalmente perseguibile.

Del resto, l’articolo 727 dice chiaramente che “Chiunque abbandona animali domestici o che abbiano acquisito abitudini della cattività è punito con l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro. Alla stessa pena soggiace chiunque detiene animali in condizioni incompatibili con la loro natura, e produttive di gravi sofferenze”.

 

 

E in effetti tenere il proprio animale a lungo sul balcone a lungo, per molte ore del giorno sotto il sole cocente, come può essere definito?

A Verona però anche il comune ha deciso per le sanzioni: “Il regolamento comunale ci impone di verificare il benessere dell’animale, controllandone lo stato di salute, la possibilità di disporre di acqua, cibo e spazi puliti e idonei all’esercizio fisico. Un balcone di un metro per un metro non è certo adatto allo scopo. Ogni giorno le segnalazioni di situazioni fuori controllo sono tante e così abbiamo formato quattro vigili, oggi specializzati nella tutela degli animali. È un problema sul quale stiamo lavorando da mesi”

L’amministrazione locale però si è anche dotata di un consigliere per la Tutela degli animali, Laura Bocchi.

 

 

Emettiamo sanzioni tra i 25 e i 500 euro a carico di proprietari diciamo sprovveduti che lasciano il cane sui balconi, così come nei sottoscala dei condomini, nei cortili, in aree rurali e perfino in stabili dismessi, per l’intera giornata”, spiega Luigi Altamura, comandante della polizia locale.

“C’è chi va al lavoro, chi esce, chi addirittura sta via tutto il weekend e molla la bestiola sul poggiolo”.

​”A volte ci chiamano inquilini che vedono scendere liquami dal balcone del piano di sopra, dove il cane sosta da troppo tempo per contenersi. E poi c’è un’altra abitudine che sanzioniamo ed è molto diffusa soprattutto tra i turisti stranieri: quella di lasciare il cane in auto per ore. Il regolamento impone un tempo limitato e i finestrini aperti per consentire l’areazione ma non troppo, altrimenti il muso può restare incastrato, come in effetti è successo. Noi interveniamo con i vigili del fuoco e il Servizio veterinario, operativo 24 ore su 24. E non succede ovunque” ha quindi concluso il comandante.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteRimesso in libertà, ride in faccia ai poliziotti davanti al giudice
Prossimo articoloGiovani sempre più colpiti da diabete: numeri record. Colpa di snack ipercalorici e poco sport

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.