Condividi

La denuncia arriva dal Siulp di Bologna lancia con una lettera aperta inviata al Questore Gianfranco Bernabei

“Con queste temperature e questa umidità i box dei cani ci mettono ore ad asciugarsi – scrive il segretario bolognese del Siulp Amedeo Landino – poiché sprovvisti di riscaldamento, di un apposito impianto antigelo e persino di acqua calda.

Inoltre le condizioni dell’area verde sono ormai ai massimi dell’indecenza, essendo diventati delle paludi di fango non praticabili”.

SIULP: “TUTELARE LA SALUTE DI QUESTI ANIMALI CHE TANTO FANNO PER IL PAESE”

Secondo il sindacato, il Provveditorato Interregionale alle opere pubbliche per la Lombardia e L’Emilia-Romagna ha recentemente comunicato che l’intervento di ristrutturazione del canile presente nella caserma è stato stimato per un importo di 135mila euro.

 

L’Amministrazione comunale ha fatto sapere che esisteva già un progetto, con la messa a disposizione di un’area da destinare ad una nuova e moderna casa per il reparto cinofili, ma inspiegabilmente nulla si è fatto.

Landino aggiunge che “sarebbe criminale e imperdonabile lasciare i nostri colleghi a quattro zampe patire disagi in questo modo” e per questo occorre affiancare al progetto strutturale un adeguamento dell’attuale canile, a basso costo ma con urgenza,

“per consentire di salvaguardare la salute di questi animali che tanto fanno per la sicurezza del Paese”. (Ansa)

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteL'ex ministro Elisabetta Trenta mantiene la casa di quando era in carica: è stata assegnata al marito militare
Prossimo articoloBombe d'acqua su Napoli, interi quartieri in ginocchio

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.