Condividi

Un nuovo ciclone si è abbattuto sulla Fifa. Questa mattina un blitz della polizia svizzera in un albergo di Zurigo ha portato all’arresto di oltre dieci persone, tra cui alti funzionari della Federazione internazionale. Tra i fermati ci sono, secondo quanto riporta la dpa, anche il paraguaiano Juan Angel Napout e Alfredo Hawit dell’Honduras, rispettivamente presidenti di Conmebol e Concacaf. Il fermo sarebbe legato allo scandalo di corruzione Fifa. La giustizia svizzera ha confermato l’arresto dei due leader di calcio mondiale.

Secondo quanto riferisce il New York Times gli agenti sono penetrati nell’albergo di lusso da un ingresso secondario per arrestare oltre dieci attuali ed ex alti funzionari Fifa accusati di “associazione a delinquere, riciclaggio di denaro sporco e frodi”. Tra i fermati non ci sarebbe Sepp Blatter come riferiscono funzionari di polizia. Già confermati tra gli arrestati il presidente della Confederazione Sudamericana del Calcio (Conmebol), il paraguayano Juan Angel Napout, e l’hondureno Alfredo Hawit, presidente della Concacaf, la confederazione regionale che comprende il Nord e il Centramerica oltre ai Caraibi.

I due funzionari della Fifa sono stati arrestati oggi a Zurigo dalla polizia cantonale zurighese. “L’ordine d’arresto dell’Ufficio federale di giustizia si fonda sulle richieste del ministero di giustizia statunitense del 29 novembre 2015”, spiega l’Ufg. Nell’ulteriore corso delle indagini del pubblico ministero competente per il distretto est di New York, il sospetto di aver accettato tangenti “si è esteso anche a queste persone”. “Gli alti funzionari della Fifa avrebbero accettato denaro per la vendita di diritti di commercializzazione legati a tornei di calcio in America latina e a partite di qualificazione per i campionati mondiali di calcio. Secondo la domanda d’arresto i reati sono stati in parte concordati e preparati negli Stati Uniti e i pagamenti si sono svolti attraverso banche statunitensi”.

Su incarico dell’UFG, la polizia del Cantone di Zurigo svolgerà oggi “audizioni relative alle domande d’arresto delle autorità statunitensi. Se durante l’audizione la persona ricercata acconsente all’estradizione, si applica una procedura semplificata. In tal caso l’Ufg può autorizzare immediatamente l’estradizione verso gli Stati Uniti e ordinarne l’esecuzione. Se invece la persona ricercata si oppone all’estradizione, l’Ufg chiederà agli Stati Uniti di presentare una domanda formale di estradizione entro il termine di 40 giorni previsto dal trattato bilaterale d’estradizione”, aggiunge l’ufficio federale di giustizia svizzera.

“Due dei sette ex funzionari della Fifa arrestati il 27 maggio 2015 a Zurigo hanno acconsentito all’estradizione semplificata. Jeffrey Webb e José Maria Marin sono stati consegnati alle autorità statunitensi rispettivamente il 15 luglio e il 3 novembre. Gli altri cinque ex funzionari della FIFA – Eugenio Figueredo, Eduardo Li, Julio Rocha, Costas Takkas e Rafael Esquivel – si sono invece opposti all’estradizione negli Stati Uniti. I loro ricorsi contro la decisione d’estradizione dell’UFG sono pendenti dinnanzi al Tribunale penale federale”, spiega nella nota l’Ufficio federale di giustizia.

Sulla base di quattro rogatorie statunitensi, a partire dal 27 maggio 2015 l’Ufg ha bloccato in varie banche svizzere, acquisendo la pertinente documentazione, una serie di conti attraverso i quali sarebbero transitate le tangenti. Finora l’Ufg ha ordinato la consegna dei documenti bancari in cinque decisioni finali parziali. I titolari dei conti possono impugnare tali decisioni entro 30 giorni dinnanzi al Tribunale penale federale. Una decisione finale passa in giudicato se il titolare del conto rinuncia al ricorso o se il Tribunale penale federale o il Tribunale federale lo respingono. Soltanto dopo il passaggio in giudicato l’Ufg può trasmettere alle autorità statunitense i mezzi di prova”, conclude la nota.

Il Comitato Esecutivo della Fifa ha iniziato il suo secondo giorno di lavori e le sue riunioni, come previsto, nonostante gli arresti.

Fonte: Libero Quotidiano

3/12/2015

RG

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteLa torta che ha fatto IMPAZZIRE FACEBOOK. Ecco perché
Prossimo articoloSASSI DAL CAVALCAVIA: L'incubo ritorna