Capitano Ultimo “restituito” dai Servizi all’Arma: “Venuto meno rapporto fiducia”

E Scafarto non è l’unico ufficiale del Noe finito nei guai per la vicenda Consip: anche il colonnello Alessandro Sessa, suo diretto superiore, è indagato dalla procura di Roma. L’accusa è di depistaggio. E’ stato un messaggio inviatogli da Scafarto, il 9 agosto 2016, ad aver determinato il suo coinvolgimento nell’inchiesta: “Signor colonnello – è scritto – sono due giorni che io penso continuamente a queste intercettazioni e alla difficoltà di portare avanti queste indagini con serenità. Credo sia stato un errore parlare di tutto col capo attuale e continuare a farlo. La situazione potrebbe precipitare con la fuga di notizie”.

De Caprio: “Autonoma decisione”. Il rientro nell’Arma, ha fatto sapere il capitano Ultimo all’Ansa, sarebbe stata una “autonoma decisione” per evitare “strumentalizzazioni sul nostro operato, sempre corretto” e tutelare sia i Servizi che i Carabinieri, dopo le “insinuazioni e le manipolazioni della realtà” fatte dai media. “Da questo momento – aggiunge – diamo mandato ai nostri legali di affrontare le strumentalizzazioni e le insinuazioni che vengono diffuse, nelle sedi più opportune”.

Il capitano Ultimo e l’arresto di Totò Riina. Il boss dei boss fu arrestato a Palermo il 15 gennaio del 1993. Un mese prima, nel Novarese, i carabinieri avevano arrestato casualmente, per una estorsione, un tale Balduccio Di Maggio, e l’avevano portato nel carcere di Novara, dove si trovavano, tra gli altri, numerosi detenuti per mafia. Di Maggio (che si sarebbe poi rivelato l’ex autista di Totò Riina), temendo di essere risconosciuto e ucciso in carcere perchè nel frattempo era caduto in disgrazia e per questo stava scappando, chiese insistentemente di parlare con l’allora comandante della Regione carabinieri di Torino, generale Francesco Delfino. I due si conoscevano pur senza essersi incontrati
perchè Delfino, che qualche anno prima era stato in Sicilia, aveva svolto indagini proprio sul Di Maggio. Di Maggio fu quindi subito interrogato dal generale dell’Arma e offrì la sua disponibilità a pentirsi e a far arrestare Riina.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche