Condividi

Il caso – visto da migliaia di persone sul web grazie al filmato girato da una pendolare – aveva suscitato un grande scalpore mediatico.

E – nella prima fase – si era chiuso con la denuncia di uno straniero per aggressione e con il licenziamento di un capotreno, accusato dall’azienda di insulti razzisti verso un passeggero. Lo riporta BSNEWS

L’AGGRESSIONE E GLI INSULTI

L’episodio risale allo scorso 23 settembre. Un controllore di Trenord aveva chiesto il biglietto al passeggero, un 23enne straniero (residente da anni in Italia) in viaggio sulla Brescia-Cremona.

 

Risultati immagini per capotreno senegalese

 

Ne erano seguiti insulti, accuse reciproche e anche un’aggressione al capotreno (il 25enne di origine cremonese Giordano Stagnati), a cui il senegalese ha strappato il palmare gettandolo a terra per poi pestarlo sotto gli occhi degli altri passeggeri.

Tutto documentato da un filmato girato con il cellulare.

L’aggressore, fermato dai carabinieri dopo un tentativo di fuga alla stazione di Bagnolo, era stato denunciato.

Mentre Trenord aveva interrotto il rapporto con il capotreno per gli insulti razzisti al senegalese (Stagnati, che  – prima della sentenza – ha anche rilasciato un’intervista a Radio24, si era giustificato affermando che le parole erano dovute soltanto alla concitazione del momento).

 

Il capotreno aggredito sulla linea ferroviaria Brescia-Cremona

IL PROCESSO

Il primo atto della Giustizia nei confronti dell’aggressore senegalese si è tenuto a Brescia e si è concluso con una condanna a tre mesi per esercizio arbitrario delle proprie ragioni e con un’ammenda di 750 euro.

Mentre la causa di lavoro del capotreno contro Trenord si terrà il 13 luglio.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteTragedia in chiesa: parroco si suicida, a dare l'allarme i fedeli
Prossimo articoloEcco il sole, ma ciclone islandese è dietro l'angolo: vortice in arrivo con tutta la sua potenza