Condividi

Brindisi – Ancora una storia di anziani soli al proprio destino, ancora una storia in cui a sopperire alle mancanze di famiglia e società si trovano costretti ad intervenire i Carabinieri. Non è certo il primo caso quello di un ultranovantenne di Villa Castelli, in provincia di Brindisi che, necessitando di sfuggire alla solitudine, chiama le forze dell’ordine denunciando un delitto inesistente..

E così l’anziano, addirittura 96 anni, prende il telefono e compone uno dei pochi numeri al quale risponde sempre qualcuno: il 112. Che puntualmente risponde. Inventato una scusa e compone il numero “ho bisogno di aiuto”, spiega l’anziano piangendo e raccontando di non poter uscire da casa perché un’auto gli ostacolava il passaggio.

I Carabinieri una volta arrivati sul posto hanno però trovato tutto regolare: nessuna macchina, nessun impedimento al passaggio, nessuna “violenza privata” (è questo il reato che andrebbe figurandosi, nel caso).

Allora hanno capito che l’unico reale aiuto di cui il 96enne aveva bisogno era la compagnia, per uscire a fare una passeggiata e scambiare due chiacchiere.

Uno dei Carabinieri a questo punto ha accompagnato fuori l’anziano con la scusa che potesse verificare personalmente che nessun ostacolo gli ostruiva l’ingresso di casa.

L’uomo, vedovo e figli sono lontani per lavoro e nonostante i parenti si prendano cura di lui, senza fargli mai mancare nulla, la vita frenetica di oggi non consente sempre di accompagnare il 96enne a fare un giretto dell’isolato, come a lui invece sarebbe gradito. Così ci hanno pensato i militari…

Sull’uscio, l’uomo ha strappato ai Carabinieri la promessa che sarebbero tornati presto, per un’altra passeggiata.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteGetta 4 cuccioli vivi nella spazzatura, incastrata da telecamere. I piccoli sono salvi
Prossimo articoloCarabiniere suona il clacson e viene picchiato selvaggiamente davanti a moglie e figlia

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.