Condividi

Per la prima volta, dallo scorso Settembre,  c’è una donna alla guida del comando provinciale dei carabinieri di Parma. Azzurra Ammirati, 33 anni, campana, laurea in Giurisprudenza, arriva dal comando di Ortisei, dove è stata negli ultimi tre anni, e succede al maggiore Giovanni Orlando.

In passato ha diretto il nucleo operativo e radiomobile di Montecatini Terme e insegnato alla scuola allievi carabinieri di Roma. Nel marzo 2017 ha partecipato all’addestramento di 33 donne poliziotto irechene a Baghdag.

La Ammirati, nel corso del primo giorno di lavoro in città aveva fatto notizia per aver  diretto un servizio straordinario contro lo spaccio di droga nel parco ducale e nelle zone limitrofe. Reparti coinvolti erano stati cinofili nucleo cinofili di Bologna; Nas di Parma; quinto reggimento Emilia Romagna; reparto operativo e nucleo investigativo di Parma; compagnia di Parma.

Oltre 130 persone controllate, un cittadino marocchino di 34 anni arrestato in via Monte Altissimo, nei pressi del bar Europa, per resistenza a pubblico ufficiale dopo essersi opposto ai controlli in quanto occultava hashish e cocaina; due denunciati (libanese di 21 anni e tunisino di 41) per porto illecito di armi e oggetti atti ad offendere; tre persone segnalate alla prefettura per uso personale sostanze stupefacenti (un cittadino marocchino di 33 anni e due nigeriani di 26 e 22)e un denunciato per non aver ottemperato all’ordine del questore di divieto di ritorno nel comune di Parma. Buon lavoro dunque a tutti i Carabinieri di Parma!

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteTrasferito lontano dalla famiglia, militare tenta il suicidio: ricoverato d'urgenza, apprensione dei colleghi
Prossimo articoloOmicidio/suicidio a Ragusa. Poliziotto uccide la moglie e poi si toglie la vita

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.