Condividi

Ed anche questa volta, dopo la diffusione della notizia della tragica morte di due Carabinieri nell’adempimento del dovere, non sono tardati commenti che definire “censurabili” è un eufemismo.

“Peccato che di ste merde in divisa ne muoiano poche” ha infatti commentato su Facebook tal Franco Rebuffo, in riferimento alla notizia del sinistro mortale verificatosi in provincia di Cuneo e in cui hanno perso la vita i Carabinieri Alessandro Borlengo e Giorgio Privitera.

Il Sindacato Autonomo di Polizia nella persona del Segretario Generale Stefano Paoloni, ha immediatamente presentato una querela alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Asti.

 

 

Anche questa volta non siamo stati a guardare – commenta Stefano Paoloni, Segretario Generale del Sindacato Autonomo di Polizia (Sap) – occorre rispettare chi perde la vita per servire lo Stato, che sia Carabiniere, Poliziotto, Magistrato o semplice cittadino.

Esternazioni del genere – conclude – non sono affatto tollerate, per rispetto di chi non c’è più e per rispetto dei loro cari. Abbiamo sempre denunciato e continueremo a farlo“.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteCamminare per dimagrire – Perdi fino a 5 kg al mese.
Prossimo articoloFrizzi, il dolore di Rita Dalla Chiesa su Facebook: "Non riesco a dormire..."