Condividi

Usare la foto di un’altra persona per il profilo Facebook è reato: lo dice la Cassazione

La Cassazione ha confermato infatti per una donna di Pordenone la pena patteggiata: una reclusione convertita in multaper il reato di sostituzione di persona.

Oltre alla multa, raterizzabile , la donna dovrà anche pagare le spese processuali.

 

Ma vediamo nel merito

“È reato usare la foto di un altro su Facebook”

Lo ha stabilito la Suprema Corte che ha confermato a una 29enne la pena a 15 giorni di reclusione, convertita in una multa di 3.750 euro.

Chi lo fa rischia infatti una condanna per il reato di sostituzione di persona.

Lo ha stabilito la quinta sezione penale della Cassazione che ha confermato la pena, patteggiata da una 29enne davanti al gup di Pordenone, a 15 giorni di reclusione, convertita in una multa di 3.750 euro.

 

 

La giovane ha presentato ricorso in Cassazione contro la sentenza che non le aveva consentito la sospensione del procedimento con la messa alla prova.

La Suprema Corte ha dichiarato legittimo il decreto penale di condanna emesso a carico della ragazza e rigettato il ricorso, concludendo così l’iter processuale.

Ora oltre alla multa, da pagare in 30 rate mensili, la donna dovrà anche pagare le spese processuali.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteEsplosione al Porto di Livorno, due morti: evacuata la zona
Prossimo articolo..E l'europarlamentare va in visita agli autori del pestaggio del Carabiniere a Piacenza. Il Sap insorge