Condividi

Una violenta protesta si è registrata nella tardissima serata di ieri nelle celle della terza e quarta sezione del carcere Cerialdo di Cuneo. La protesta trae origine dal fatto che un detenuto ha tentato il suicidio nel reparto isolamento, ma è stato salvato in tempo solo grazie al tempestivo intervento dall’agente di servizio, successivamente, un altro detenuto ha però diffuso la voce che l’altro ristretto era deceduto è questo ha determinato una violenta protesta degli altri detenuti della terza e quarta sezione (sezioni detentive a regime ordinario con la presenza di più di cento detenuti di varie etnie) che attraverso il lancio di bombolette di gas che, con le fiamme, diventano vere e proprie bombe. I detenuti hanno anche incendiato coperte e stracci gettandole nei corridoi delle sezioni detentive. Solo il tempestivo e professionale intervento dei poliziotti penitenziari di sevizio unitamente agli Agenti del Gruppo Operativo Mobile si sono evitate drammatiche conseguenze. La protesta è rientrata dopo una lunga trattativa alle ore una e trenta circa consentendo così di far terminare il servizio al personale di turno pomeridiano. Alcuni Agenti sono dovuti ricorrere alle cure del Pronto Soccorso dell’Ospedale di Cuneo.

Leggi anche:  Paura e tensioni in ospedale: detenuto si scaglia contro gli agenti in corridoio per evadere

A dare notizia è l’O.S.A.P.P. (Organizzazione Sindacale Autonoma Polizia Penitenziaria) per voce del Segretario Generale Leo Beneduci. Gli Agenti della Polizia Penitenziaria hanno dovuto prestare ininterrottamente servizio pur di tenere sotto controllo la situazione che si era determinata.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteMatteo Salvini: "Le Ong tornano in mare e i migranti tornano a morire. Ma il cattivo sono io"
Prossimo articoloLa figlia di Aldo Moro: "Mentre i brigatisti erano in vacanza, noi vivevamo una solitaria agonia a oggi lunga quarantuno anni"

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.