Condividi

Chioggia – Sono stati trovati privi di etichette gli alimenti sequestrati dai carabinieri della compagnia di Chioggia in una cucina addetta alla preparazione dei cibi destinati a molte scuole della città. Prodotti scaduti rinvenuti anche nel corso delle ispezioni a frigoriferi e congelatori. I controlli risalgono allo scorso Lunedì e sono stati effettuati assieme agli esperti del Dipartimento di prevenzione dell’Ulss 3 ed hanno portato allo scoperto numerose irregolarità

Per quel che riguarda il cibo scaduto, secondo quanto riporta Venezia Today, sarebbero state rinvenute 12 confezioni di hamburger di tacchino da mezzo chilo, 14 confezioni di sovracosce di pollo da circa dur chili l’una, cinque contenitori di pizza da due chili ognuna e diciassette vasetti di yogurt da 125 grammi. Gli alimenti riportavano la consumazione entro fine 2018. Altre irregolarità, sempre secondo il quotidiano online, riguardavano la provenienza

Dure le dichiarazioni deò sindaco Alessandro Ferro “la cosa non è giustificabile nemmeno se gli alimenti fossero stati accantonati per lo smaltimento. È della salute dei nostri figli che stiamo parlando. Stiamo già facendo le nostre verifiche e ci riserviamo di procedere con tutte le azioni possibili”.

La società dovrà pagare una multa di diecimila euro per gli alimenti scaduti e un’altra di 1.500 per quelli sprovvisti di etichette. Tutti i generi alimentari, per un peso totale di quasi 60 chili e un valore stimato di circa 700 euro, sono stati sottoposti a sequestro e smaltiti.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedentePaolo Paoloni, è morto il megadirettore galattico di Fantozzi
Prossimo articoloA 9 anni già sniffa cocaina, ora è in cura al Sert: "imitava i genitori"