CasaPound vince la causa in tribunale: Facebook costretta a riattivare la pagina

Il Tribunale Civile di Roma ha accolto il ricorso presentato del movimento di estrema destra in seguito alla disattivazione della pagina ufficiale avvenuta il 9 settembre

CasaPound ha vinto la causa contro Facebook. Il Tribunale Civile di Roma ha infatti accolto il ricorso presentato del movimento di estrema destra in seguito alla disattivazione della pagina ufficiale avvenuta il 9 settembre. “In conclusione – si legge nella sentenza – il ricorso va accolto e va ordinato a Facebook l’immediata riattivazione della pagina dell’Associazione di Promozione Sociale CasaPound”.

Nella sentenza, secondo quanto diffuso in un comunicato da CasaPound, si legge che il Tribunale di Roma ha inoltre fissato “la penale di 800 euro per ogni giorno di violazione dell’ordine impartito, successivo alla conoscenza legale dello stesso e ha condannato Facebook alla rifusione delle spese di giudizio sostenute da Associazione di promozione sociale CasaPound Italia e Davide Di Stefano, liquidate in complessivi 15mila euro, oltre spese generali ed accessori come per legge”.

Il giudice: “Senza Fb CasaPound è fuori dalla politica”Il giudice spiega inoltre che “il soggetto che non è presente su Facebook è di fatto escluso (o fortemente limitato) dal dibattito politico italiano, come testimoniato dal fatto che la quasi totalità degli esponenti politici italiani quotidianamente affida alla propria pagina Facebook i messaggi politici e la diffusione delle idee del proprio movimento”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche