Condividi

Il generale dei carabinieri punta il dito contro Maha Abdel Rahman, professoressa di Giulio.

Il caso Regeni sembra farsi sempre più intricato. Le dichiarazioni rilasciate martedì 24 gennaio dal generale #Mario Mori ai giornalisti Giuseppe Cruciani e David Parenzo, durante la trasmissione radiofonica di Radio24 ‘La Zanzara’, sono passate sotto silenzio mediatico, ma potrebbero rivelarsi clamorose.
L’ex comandante del Ros e direttore del Sisde, esperto per definizione di misteri e segreti, indirizza i suoi sospetti contro Maha Abdel Rahman (la professoressa egiziana di Giulio a Cambridge vicina ai Fratelli Musumani) e contro le “tecniche proprie dell’intelligence inglese”. Regeni è stato “venduto”.

Ecco la trascrizione delle dichiarazioni di Mori a Radio24.

Regeni era semplicemente uno studente secondo lei, oppure dietro c’è qualcos’altro, era uno strumento in mano di (sic) qualcuno?”, chiede tendenziosamente Cruciani, quasi imbeccando la risposta.

“Giulio Regeni era uno studente perché tale si riteneva e svolgeva un compito assegnatogli da un’università inglese – risponde Mori – era in perfetta buona fede ed eseguiva un lavoro che lui riteneva importante. Che qualcheduno dietro ci giocasse – prosegue – direi che è possibile perché, se andiamo ad esaminare i protagonisti della vicenda, a parte il settore strettamente egiziano, vediamo che in Inghilterra, a Londra, chi ha assegnato la ricerca a Regeni è una professoressa, tale Maha Abdel Rahman, che è di origine egiziana, certamente ostile al regime attualmente operante in Egitto e vicina alla fratellanza musulmana”.

E dunque?”, chiede un Cruciani sempre più interessato.

“E dunque – risponde deciso Mori – c’era indubbiamente da parte di questa signora l’intento di andare un pochettino a scandagliare la situazione egiziana”.

“Di sua iniziativa?”, si chiede retoricamente il generale dell’Arma.

La risposta che si dà è “sì, potrebbe essere anche di sua iniziativa”, però queste sono anche le “tecniche proprie dell’intelligence inglese, che si avvale di questi ricercatori, imprenditori, industriali, turisti, per svolgere attività di ricerca all’estero, tutto sommato, praticamente a costo zero”.

Cioè, lei sta dicendo che Regeni, non so se consapevolmente o inconsapevolmente, è stato uno strumento in mano ai servizi segreti inglesi?”, lo incalza Cruciani.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedente27 GENNAIO: QUALCOSA IN PIU' DI UNA SEMPLICE GIORNATA DELLA MEMORIA
Prossimo articoloTrump: stop a ingressi da 7 paesi musulmani