Chiamate dal Kosovo e Moldavia con addebito, la nuova bufala su WhatsApp

Dietro ai prefissi +216, +373 e +383 molto spesso si nascondono servizi a pagamento. Se riceviamo una chiamata da uno di questi numeri e decidiamo di richiamarli, effettivamente potrebbe portare all’attivazione di un servizio a pagamento al costo di sette euro la settimana. Questi abbonamenti-truffa, però, possono essere disattivati velocemente chiamando il servizio clienti della propria compagnia telefonica e chiedendo la restituzione dei sette euro.

Molto spesso a far girare questi messaggi sono le stesse aziende che vendono servizi ad abbonamento: serve per profilare gli utenti per delle campagne future. La disinformazione, purtroppo, prende linfa da applicazioni come WhatsApp, dove per far girare un messaggio-truffa e suggestionare migliaia di utenti bastano pochissimi secondi. (fonte: TECNOLOGIA LIBERO)