L’ammissione della chiesa inglese: “Abbiamo insabbiato gli abusi sui bambini”

La rivelazione shock del primate della chiesa inglese, Justin Welby, nella pubblicazione di “Abuse of faith”, un rapporto sul caso dell’ex vescovo di Lewes Peter Ball, condannato a 32 mesi di carcere nel 2015 per molestie

Imperdonabile. Sconvolgente. Così Justin Welby, arcivescovo di Canterbury, definisce l’insabbiamento degli abusi sui bambini perpetrati all’interno della chiesa d’Inghilterra. La notizia arriva oggi con la pubblicazione di “Abuse of Faith”, un rapporto indipendente condotto sul caso di Peter Ball, l’ex vescovo di Lewes condannato a 32 mesi di carcere nel 2015 per una serie di episodi di molestie.

E’ emerso che la chiesa d’Inghilterra ha sistematicamente coperto e perfino depistato gli abusi compiuti dall’ex vescovo, fra l’altro amico del principe Carlo, dal 1970 fino agli anni Novanta. Il primate della chiesa anglicana ha ammesso che gli abusi del vescovo sono stati insabbiati in passato.

Il binomio abusi e omertà negli ultimi anni ha investito, con rivelazioni a catena, le chiese protestanti al pari di quella cattolica.