Condividi

Chikungunya, maxi emergenza sangue: “Chiediamo uno sforzo straordinario”

Regione Emilia Romagna, Avis e Fidas lanciano un appello ai donatori di sangue dell’Emilia-Romagna: un contributo straordinario per far fronte a quanto sta accadendo in provincia di Roma, dove è in corso un’epidemia di chikungunya

’obiettivo è raccogliere, in tutta l’Emilia Romagna, 500 unità di sangue alla settimana per tutto il periodo dell’emergenza, da destinare alla capitale. Regione, Avis e Fidas lanciano un appello ai donatori di sangue dell’Emilia-Romagna: un contributo straordinario per far fronte a quanto sta accadendo in provincia di Roma, dove è in corso un’epidemia di chikungunya, malattia virale dal decorso benigno che provoca febbre alta e dolori articolari anche persistenti, trasmessa dalla zanzara tigre. A seguito del diffondersi dei casi infetti, il Centro regionale sangue del Lazio ha sospeso la raccolta come misura di prevenzione dell’infezione.

“Chiediamo ai nostri donatori uno sforzo straordinario, certi che come sempre la risposta ci sarà – afferma l’assessore alle Politiche per la salute Sergio Venturi – La nostra è una regione che ha nella solidarietà uno dei principi fondamentali.

Il nostro sistema è forte, da sempre capace di garantire l’autosufficienza regionale e di fornire unità di sangue alle regioni che più ne hanno bisogno. Questo è il momento di dimostrarlo”. “Anche Avis Provinciale Ravenna garantirà il proprio contributo – fanno sapere dal direttivo dell’associazione di via Tommaso Gulli- A un rapido calcolo, oltre alle unità che raccogliamo per soddisfare il fabbisogno locale e a quelle che inviamo al Centro regionale sangue per gli impegni con le altre regioni, per far fronte a questa situazione occorrono circa ulteriori 50 unità ogni settimana.

Questo fino a quando non cesserà l’emergenza e la situazione non tornerà nella norma. Del resto nell’agosto 2007, quando si registrarono per la prima volta in Europa alcuni casi della malattia, fu proprio l’Emilia Romagna la zona colpita e fu la provincia di Ravenna a ricevere lo stop alla raccolta di sangue a scopo precauzionale. Dieci anni fa furono i donatori di tutta Italia a venirci in aiuto e oggi è il nostro turno. Per garantire la quantità di sangue necessaria coinvolgeremo anche nuovi donatori. E, di certo, gli abitanti della nostra Provincia ci mostreranno ancora una volta il loro grande cuore”.

Come fare

Per attivarsi da subito è sufficiente contattare uno degli 11 punti di raccolta sangue della provincia e prenotare la propria donazione. Se non si è ancora donatori, prima occorre programmare la visita di idoneità alla donazione, sempre su appuntamento. Tutte le info e gli orari dei centri di raccolta sono disponibili su www.ravenna.avisemiliaromagna.it o chiamando lo 0544421180.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteBoom di falsi operatori Hera nel ravennate: come riconoscerli
Prossimo articoloMamma 17enne abbandona il figlio di 9 mesi per andare in vacanza