Condividi

Per cinque generazioni, nelle mani della famiglia Averna, Pernigotti era stata il simbolo di cioccolato gianduia, torrone ma anche prodotti per gelato e pasticceria. Poi nel 2013 il passaggio di mano: lo stabilimento di Novi Ligure, che occupava 150 persone, era stato ceduto al gruppo familiare turco Toksoz che ne aveva assunto le redini con entusiasmo, ricordando il prestigio di un marchio ricco di storia e fascino che identifica appunto nel mondo la gianduia e il torrone italiano. Adesso l’annuncio che lo stabilimento produttivo di Novi, che ancora occupa 100 persone chiuderà.

L’ANNUNCIO DEL SINDACATO
“L’amministratore delegato era accompagnato dai legali e ci ha comunicato che non sono interessati allo stabilimento – ha dichiarato Tiziano Crocco (Uila)-. I pochi impiegati del settore commerciale che rimarranno saranno trasferiti a Milano”. I lavoratori della Pernigotti oggi decideranno la mobilitazione. “Sarà un’iniziativa forte per rimarcare il duro colpo che subiranno la città e l’economia della provincia”. Insomma, rischia di finir qui una storia italiana famosa nel mondo iniziata nel 1860 quando Stefano Pernigotti aprì una drogheria nel cuore di Novi Ligure. Pochi anni e l’apprezzamento dei suoi prodotti lo porta a dar vita nel 1868 a una piccola fabbrica insieme al figlio, dal 1882 l’azienda diventa il fornitore ufficiale della Real Casa e intanto investe in tecnologia e nella definizione di ricette sempre più apprezzate.

Durante la prima guerra mondiale, che vede la proibizione dell’utilizzo dello zucchero nella preparazione di prodotti dolciari, Paolo Pernigotti cambia la ricetta del Torrone, sostituendo lo zucchero con miele concentrato. Il risultato è un prodotto dal gusto unico. L’altro punto di svolta per Pernigotti è il 1927 con l’inizio della produzione del gianduiotto, un grande classico della tradizione dolciaria piemontese. Mentre dal 1936 l’azienda inizierà a produrre creme per gelati, che saranno sempre più significative nel bilancio di Pernigotti. Negli anni ’70 l’offerta si allarga nel mercato dei cioccolatini – con Gianduiotto e Cremino – e delle barre di cioccolato – con Pepitas e Nocciolato. Una storia che oggi sembra al capolinea.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteAvvocato torinese muore in Brasile, la dichiarazione shock della fidanzata: "L'ho ucciso in un rito magico"
Prossimo articoloTorino, spacciava cocaina e metadone in ospedale: arrestato dalla Polizia

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.