Condividi

La strage di Pedesemene, più nota come strage di Chilivani, avvenne in Sardegna, nei pressi di Ozieri, nel 1995. Durante l’azione criminale rimasero uccisi i carabinieri sardi Walter Frau e Ciriaco Carru (insigniti entrambi della Medaglia d’Oro al Valor Militare) e il bandito Salvatore Antonio Giua.

Il 16 agosto del 1995 i carabinieri Carru e Frau, in servizio al nucleo radiomobile, erano sulle tracce di un’autobetoniera rubata durante la notte. Intorno alle 15:20, informarono la centrale di aver ritrovato in zona Pedesemene il mezzo, con all’interno diverse armi da fuoco, ed un altro veicolo rubato, e di averne arrestato il detentore, poi risultato essere Salvatore Antonio Giua di Buddusò (SS). All’improvviso vennero colpiti alle spalle da colpi di Kalashnikov sparati da malviventi successivamente identificati per Graziano Palmas e Andrea Gusinu.

L’appuntato Carru rispose al fuoco verso Palmas, ferendolo, poi si voltò e uccise Giua, che stava tentando la fuga verso Chilivani; Palmas continuò a sparare uccidendo il carabiniere Ciriaco Carru, di Bitti di 32 anni. Intanto, dall’altra parte della strada, Walter Frau, ossese non ancora trentenne, affrontava Gusinu colpendolo più volte, ma cadde anche lui ferito dai colpi di Sebastiano Pirino. Gusinu sparò altri colpi e uno di essi colpì il giovane milite alla testa.

I malviventi si diedero alla fuga. Gusinu, ferito, venne arrestato poche ore dopo dai carabinieri nei pressi di Padru; l’arresto avvenne a seguito del fermo di un camioncino sul quale viaggiava e che era guidato da Graziano Palmas, il quale per evitare l’arresto si suicidò con un colpo di pistola.

Pochi giorni dopo fu arrestato il resto della banda: Salvatore Sechi di Olbia, Sebastiano Demontis di Buddusò, Sebastiano Prino di Arzachena, Cosimo Cocco di Bonarcado e Milena Ladu di Olbia. Il 26 luglio 1997 in primo grado, Gusinu, Sechi, Demontis e Prino furono condannati all’ergastolo, il Cocco (pentito) a 22 anni di reclusione, la Ladu a 25; in appello, il 27 giugno 1998, gli ergastoli furono confermati e mentre la pena della Ladu fu ridotta di un anno, quella di Cocco fu aumentata di 2. Nonostante queste condanne gli inquirenti hanno sempre pensato che del commando facessero parte altri personaggi mai identificati e aventi uno spessore criminale decisamente maggiore rispetto ai banditi condannati. Si sospettò che un furto avvenuto all’aeroporto di Olbia fosse stato fatto per ottenere le armi della rapina in cambio dei materiali tecnologici trafugati.

Per quel furto furono condannati un pregiudicato di Bitti (NU) sospettato di una rapina a un portavalori a Saccargia, che fu ucciso in agguato nel 2008 a San Teodoro, e un pregiudicato di Nuoro che fu indagato (poi prosciolto) anche per la strage di Chilivani per via di una strana ferita che si pensava potesse essere stata fatta da uno dei due carabinieri uccisi nel conflitto. (wikipedia)

Medaglia d’Oro al Valor Militare

100px-Valor_militare_gold_medal_BAR.svg«”Capoequipaggio e Conducente di nucleo radiomobile in area ad elevata densità criminale, mentre procedevano all’arresto di un malvivente, che vigilava su due automezzi, con armi a bordo, poco prima rubati, venivano investiti improvvisamente da violenta azione di fuoco incrociato attuata dai complici del predetto malvivente che si apprestavano a rapinare un furgone portavalori. Incuranti della situazione di palese inferiorità non si sottraevano all’impari scontro e si lanciavano contro i banditi, riuscendo a ferirli con l’armi in dotazione finché, colpiti mortalmente, non si accasciavano esanimi al suolo. Tale azione impediva la consumazione della rapina e rendeva possibile la identificazione e la cattura dell’intera organizzazione. Fulgidi esempi di elette virtù militari e di altissimo senso del dovere spinto fino all’estremo sacrificio”.» — Chilivani (SS), 16 agosto 1995

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteAutostrade: i tutor tornano in funzione, lo ha deciso la Corte di Cassazione
Prossimo articoloCaso Bibbiano, intercettazione da brividi: “anche il maresciallo ha figli, non si sa mai…”,

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.