Rabbia e dolore per Ciro, il carabiniere morto dopo lo schianto. I colleghi: “non lo vedevi mai adirato…”

Incidente mortale l’altra mattina, poco prima delle 8, in viale dell’Umanesimo all’Eur nei pressi del Fungo.

Roma – Spmp state coinvolte nello scontro un’auto e una moto. La vittima è un carabiniere di 46 anni, Ciro Terlizzi, originario di Napoli, che viaggiava a bordo della moto.

Sul posto per i rilievi personale la polizia locale del IX Gruppo Eur.

Per il centauro, in servizio al comando dei Nas dei Carabinieri di Roma, non c’è stato nulla da fare: è deceduto dopo il trasporto d’urgenza all’ospedale Sant’Eugenio.

LA DEDICA riportata dal sito Internapoli

Un suo amico lo ha ricordato con un post su Fb. “Ciruzzo….ma chi era Ciruzzo??.

Ciruzzo era una Grande Persona, un Grande Amico un Grande Fratello. Era colui che aveva stampato in faccia la “Napoletanità” ovvero il sorriso, l’allegria, la gioia del vivere.

In 23 anni che ho avuto il piacere di conoscerlo non l’ho mai visto adirato, neanche quando qualcuno gli faceva qualche sgarbo. Ciruzzo, durante la sua carriera, ha lavorato in una specie di bunker.

 

 

Uno di quegli uffici dove chi ci stà non ti degna neanche di uno sguardo per paura che tu possa chiedergli qualcosa. Ma lui non era così.

Lui era colui a cui tu potevi far riferimento e sapevi che ti avrebbe sempre risposto a quel telefono e se poteva una mano te la tendeva.

Lui era quello che qui su F.B. si registrò come Ciro MINOLLO Terlizzi, perchè per lui quella genialità di Troisi di inventarsi quell’animale denominato Minollo era una cosa strepitosa.

Tra di noi si parlava solo in dialetto Napoletano, perchè per noi quella era la nostra lingua madre. Ciruzzo era quella persona a cui tu consiglieresti a tutti di conoscere, perchè ti trasmetteva positività. Ovunque ci vedevamo, con chiunque eravamo, il nostro incontro si trasformava in una scenetta.

Si faceva a gara a chi facesse la battuta più spiritosa, a chi riusciva a sopraffare l’altro nei discorsi ironici. Ciruzzo era colui con cui amavi, discutevi, offendevi e criticavi il Grande Amore della tua vita….il Napoli.

Eccolo chi era Ciruzzo.
Cià Cirù….Buon Viaggio e Grazie di essermi stato Amico”.

 

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche