Cinquanta migranti in albergo, è rivolta a Castell’Umberto, in provincia di Messina

“Non ritengo questo un atto di coinvolgimento istituzionale corretto per gli ovvi motivi di ricaduta sulla nostra comunità; la gestione e stata data ad una cooperativa di Palermo.Mi sto recando immediatamente sul luogo dove indossando la fascia tricolore bloccherò l’ingresso con la mia autovettura della struttura alberghiera e li rimarro”.

All’arrivo del sindaco (e dei cittadini al suo seguito) i migranti erano però già dentro. Ciò nonostante la protesta è andata avanti. Il sindaco e alcuni residenti avrebbero passato la notte all’esterno della struttura e oggi hanno fermato il gruppo elettrogeno destinato all’hotel che non ha l’allaccio all’energia elettrica.

today



Potrebbero interessarti anche