Condividi

La Gerini di fatto promuove il piano Salvini sul fronte dell’immigrazione e sottolinea il suo cambiamento di linea dopo un passato con simatie a sinistra.

“e ideologie in questo Paese non ci sono più. Bene coloro che fanno qualcosa per gli italiani, qualcosa di giusto, come i provvedimenti per far crescere le aziende o per far si che si possa convivere in una società multiculturale”, ha affermato la Gerini.

Poi sul governo aggiunge: “I primi passi sono stati buoni a mio avviso”.

Poi (a sorpresa) si dice anche d’accordo con il censimento sui rom che ha proposto il titolare del Viminale qualche giorno fa: “Non mi sembra una mossa razzista ma ottima.

 

 

Perché mai dobbiamo essere censiti noi e i rom no?”. Una posizione chiara quella della Gerini che di fatto si schiera dalla parte di Salviuni.

Promuove anche Di Maio: “Ha fatto un discorso in Confindustria, o in Confcommercio, non ricordo, che mi è piaciuto. Insomma, si capisce che stanno dalla parte di chi vuole crescere”.

Infine confessa di non aver votato per M5s o Lega e sottolinea: “L’importante – ha detto la Gerini a Rai Radio1 – è che si facciano dei passi dalla nostra parte, anche se ci sono stati degli sfondoni tipo quelli sulle famiglie Arcobaleno”. Insomma anche la Gerini come Scamarcio si “riposiziona”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedentePer ladri e rapinatori, la pacchia è finita: legittima difesa, ecco la proposta di legge della Lega
Prossimo articoloRuba, la polizia gli spara: nomade risarcito dallo Stato