Condividi

RIMINI. Quando la commessa di “Brandina” è uscita dal negozio urlando “Al ladro, al ladro!”, via Bovio, a Cattolica, era affollata di persone. L’unico che, spinto da un istinto coltivato in quaranta anni di divisa, si è messo a inseguire il ladro è stato un maresciallo dei carabinieri che, libero dal servizio, si era preso un’ora di relax per gli ultimi acquisti natalizi. Non un sottufficiale qualsiasi, per la verità, ma l’apprezzatissimo comandante della stazione di Misano Adriatico, luogotenente Nicola Travaglino.

Al diavolo lo shopping. Non ci ha pensato due volte: la sua reazione è stata immediata e con la falcata di un ragazzino, a dispetto dei suoi sessanta anni suonati (ma tutti gli dicono sempre che non li dimostra ed è vero), è riuscito a raggiungere e catturare il malvivente, un robusto ucraino di quindici anni più giovane. Lo ha fatto dopo un inseguimento di oltre un chilometro.

Lo straniero, infatti, ha cercato di seminarlo per le vie del centro, prima di puntare verso la spiaggia. Nonostante il fiatone e il buio incombente (l’episodio risale al pomeriggio di giovedì scorso) il comandante Travaglino non ha mollato. Non ha perso di vista il ladro e quando quello ha cominciato a rallentare e poi a mettersi una mano sul fianco, esausto, gli è piombato addosso senza pensare alle possibili conseguenze. E se lo sconosciuto avesse avuto con sé un coltello? Tanta è stata la grinta del luogotenente che a provare spavento, bloccato faccia a terra sulla spiaggia, è stato lo straniero. «Carabinieri, carabinieri», si è qualificato Travaglino, mentre il tipo se la faceva già addosso dalla paura.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteMamma Pina Orlando, le due gemelline erano nate con gravi malformazioni: una era cieca, l'altra aveva gravi problemi motori forse irreversibili
Prossimo articoloAgenti accerchiati da 50 ragazzini: sputi, insulti e petardi contro gli agenti