Concorso Banca d’Italia: 30 assunzioni per diplomati. I dettagli

Il candidato deve inoltre possedere idoneità fisica per lo svolgimento delle mansioni previste, godere dei diritti civili e politici, non aver tenuto in passato comportamenti incompatibili con le funzioni da svolgere nell’Istituto. Si richiede infine un’adeguata conoscenza della lingua italiana.

Tutti i requisiti suddetti devono essere posseduti entro la data di scadenza del bando.

Le prove del concorso e la graduatoria

3 sono le prove previste per il presente concorso.

La prima prova sarà una prova preselettiva che si svolgerà unicamente in base ai titoli posseduti (quindi senza test). Tale preselezione è prevista solo qualora il numero dei partecipanti risulti superiore a 3.000 (quota già raggiunta al momento di redazione del presente articolo).

La Banca d’Italia, sulla base dei voti di diploma e di laurea, provvederà alla formazione di una graduatoria preliminare. Col voto di diploma si assegneranno da 1 a 9 punti, mentre in caso di possesso di laurea triennale, magistrale / specialistica potrà essere attribuito un ulteriore punteggio massimo pari a 2,40.

Supereranno la preselezione per titoli i candidati che si classificheranno tra i primi 3.000.

La seconda prova consisterà in una prova scritta, con 100 domande a risposta multipla. 60 quiz verteranno su elementi di Diritto, elementi di Economia e Matematica e complementi di Statistica, i restanti 40 quiz saranno sull’accertamento della Lingua inglese. Nel complesso la prova si svolgerà in 100 minuti, a Roma, e il punteggio massimo acquisibile sarà pari a 50 punti.

Passeranno all’ultima prova i candidati che si classificheranno tra i primi 300, inclusi eventuali ex-equo.