Condividi

Concorso INPS 2018: bando ufficiale, requisiti, domanda, scadenza 27/12

E’ stato pubblicato in gazzetta il bando del Concorso Inps valido per l’anno 2018 per la copertura di 365 posti area C, posizione economica C1, stipendio da 21mila euro.

Dopo anni di attesa è stato pubblicato il bando ufficiale del concorso INPS 2018
La scadenza della presentazione della domanda è fissata al 27 dicembre 2017

Tra i requisiti richiesti per poter accedere al concorso c’è il possesso della laurea magistrale/specialistica e della certificazione B2 di lingua inglese.

Vediamo tutti i requisiti necessari nello specifico.

Di seguito sarà illustrato come funzionerà il concorso, chi potrà parteciparvi, come inviare la richiesta di partecipazione.

Come saranno strutturate le prove, i punteggi, le materie previste e lo studio

La presentazione delle domande per 365 posti di analista di processo-consulente professionale nei ruoli del personale dell’INPS, area C, posizione economica C1 è da effettuarsi entro la scadenza del 27 dicembre 2017.

A fare l’annuncio è stato il presidente Tito Boeri lo scorso inizio Novembre, ma è con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale che il concorso è stato ufficializzato.

I 365 funzionari, precisamente analisti di processo-consulente professionale, area C, posizione economica C1, saranno inviati su tutto il territorio nazionale.

Presso i Ministeri competenti sono in corso le procedure che potranno consentire l’ampliamento dei posti a disposizione fino a oltre 1.000 posti Inps.

Vediamo più nello specifico quali sono i requisiti per partecipare, quali sono le materie da studiare e come prepararsi alle prove d’esame del bando ufficiale concorso Inps.

TUTTI I DETTAGLI DEL CONCORSO

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedente"Quando avevi bisogno lui c'era: Beppe era un poliziotto dal cuore immenso". Il ricordo dei colleghi
Prossimo articoloLa svolta dell’Esercito: addio ai requisiti fisici per poter fare il soldato?