Condividi

Era stato condannato a inizio Giugno per abusi su una ragazza di neanche 13 anni, per questo un uomo di quarant’anni, che era entrato a contatto con la vittima in qualità di allenatore di basket, si sarebbe ucciso.

L’uomo, quarantenne, era residente a Medio Campidano in Sardegna. Il corpo è stato scoperto dai genitori che hanno immediatamente allertato le autorità. Giunto il 118 sul posto, non hanno potuto far altro, i soccorritori, che constatare il decesso

Il quarantenne era stato condannato con rito abbreviato a cinque anni di carcere lo scorso 7 Giugno: l’uomo si era difeso sostenendo che il rapporto con l’allieva fosse consenziente.

Aveva inoltre sostenuto di non conoscere l’età della ragazza o averla influenzata con il ruolo di allenatore. Nessuna di queste spiegazioni lo aveva salvato dalla condanna.

Dopo la condanna il quarantenne era divenuto taciturno. Poi la decisione, nelle scorse ore.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteSea Watch forza il blocco e si avvicina al porto, fermata dalla Guardia di Finanza. Parlamentari a bordo, il tweet: "Noi con la comandante"
Prossimo articoloIl cane poliziotto Hondo è tornato a camminare dopo quattro operazioni, festeggiato dai colleghi che annunciano il successo della riabilitazione sui social