Condividi

Il Consiglio e il Parlamento europeo hanno raggiunto un accordo provvisorio sulla proposta della Commissione di introdurre una nuova direttiva relativa all’equilibrio tra lavoro e vita familiare per i genitori e i prestatori di assistenza. Tra le nuove regole: un minimo di dieci giorni di congedo di paternità dopo la nascita del figlio (retribuiti allo stesso livello del congedo di malattia); quattro mesi di congedo parentale, dei quali due mesi non trasferibili tra i genitori (retribuiti); cinque giorni l’anno di permesso per prendersi cura di persone malate o anziane che vivono nello stesso nucleo familiare e possibilità di richiedere modalità di lavoro flessibili. Le misure intendono “aumentare la partecipazione delle donne al mercato del lavoro e rafforzare il ruolo di un padre o di un secondo genitore equivalente nella famiglia”.

I prossimi passi – La direttiva dovrà essere votata dalla plenaria del Parlamento – probabilmente a marzo – e, dopo l’ok definitivo del Consiglio, entrerà in vigore (con la pubblicazioni in Gazzetta ufficiale). Da questo momento, gli Stati membri avranno tre anni di tempo per recepire le nuove regole, con un un’unica eccezione. Per il congedo parentale saranno infatti cinque gli anni di tempo per recepire la misura.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedente22 anni di carcere, accusato di aver ucciso due Carabinieri: era innocente. Giuseppe Gulotta chiede 66 milioni di risarcimento
Prossimo articoloNon ha i soldi per raggiungere la madre morta. I Carabinieri gli pagano il biglietto

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.