Condividi

poli 4
Ieri sera i poliziotti della Questura, del Reparto Prevenzione Crimine di Padova, personale della Direzione Territoriale del Lavoro, Vigili del Fuoco, INPS e INAIL hanno controllato due laboratori gestiti da cittadini cinesi nel comune di Signoressa.

Al momento del blitz le aziende, che producono camici, lenzuola  ed altro materiale ospedaliero e scatole di cartone per colombe pasquali, erano in piena attività lavorativa.

12 i cittadini cinesi controllati, 3 dei quali non risultavano in regola sul territorio nazionale. Entrambe le attività sono state sospese. Gli  ispettori della direzione territoriale del lavoro stanno continuando gli accertamenti sui committenti dei due laboratori cinesi.
Nella prima attività, quella di confezionamento di lenzuola e divise ad uso ospedaliero sei cittadini cinesi sono stati trovati al lavoro tra cui un 33enne in nero. Il titolare, un 48enne cinese, dovrà pagare una sanzione di circa 5mila euro. Nella seconda ditta è stato trovato un lavoratore clandestino, un 38enne cinese che sarà rimpatriato nelle prossime ore e con numerosi precedenti penali

Altri due gli stranieri irregolari scoperti in questa attività: si tratta di due coniugi di circa 50 anni che erano entrati nel nostro paese con visto turistico. Una loro connazionale, di 38 anni, lavorava invece “in nero” ed è già stata regolarizzata.

La ditta è stata sanzionata con una multa di 12.200 euro.   Numerose le irregolarità rilevate dai Vigili del Fuoco per la sicurezza del lavoro e degli ambienti in entrambi i laboratori. Operai costretti a lavorare tutto il  giorno, senza riscaldamento, dormitori improvvisati e sporcizia. Questa è la situazione trovata al momento del controllo.

Roma, 18 febbraio 2016
fonte Polizia di Stato

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteLA POLIZIA ARRESTA ESTORTORE
Prossimo articoloOperazione "PostPay". Sgominata dai Carabinieri un’associazione a delinquere che aveva truffato centinaia di commercianti siciliani