Arrivano i controlli fiscali sul bancomat per il reddito di cittadinanza

L’obiettivo in questo momento nelle stanze grilline è quello di far girare i soldi messi nelle tasche di chi non ha un lavoro, il tutto per potre far decollare la crescita. Più facile a dirsi che a farsi.

Per almeno tre volte chi non ha un lavoro può rifiutare le offerte dei centri per l’impiego e di fatto allungare i tempi di erogazione del reddito minimo.

Così per monitorare questo flusso di denaro arriva una sorta di Grande Fratello statale, come sottolinea la Stampa

, che potrebbe controllare tutte le spese che vengono fatte col bancomat che contiene proprio il reddito di cittadinanza.

E a spiegare meglio come verrà messo sul campo il reddito di cittadinanza è il viceministro all’Economia, Laura Castelli:

“Semplicemente quando consumi diventa una spesa dello Stato. Ma la somma resta sempre quella”.

Un assegno di 780 euro per chi non ha un lavoro.

Il tutto servito con una manovra al 2,4% del rapporto deficit-Pil che di fatto ha creato non poche turbolenze sui mercati.

In vista della stesura finale del testo che introdurrà ufficialmente il reddito minimo,

i pentastellati provano a correre ai ripari per respingere le accuse di voler dare un assegno ai “fannulloni”.

Come ha anticipato il Fatto, il reddito di cittadinanza verrà legato alla capacità di consumo.

Chi non apre spesso il portafoglio dunque potrebbe subire un taglio del 4 per cento che verrebbe destinato a chi invece spende l’intera somma.

L’obiettivo in questo momento nelle stanze grilline è quello di far girare i soldi messi nelle tasche di chi non ha un lavoro, il tutto per potre far decollare la crescita.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche